torta mimosa
Dolci

Torta mimosa per l’8 marzo!

L’8 marzo è la giornata internazionale della donna.

C’è chi direbbe che la donna vada festeggiata ogni giorno, ma sono più convinta del fatto che la donna vada rispettata ogni giorno, come del resto tutti gli esseri umani, di qualsiasi genere.

Ognuna può decidere di festeggiare come crede, ma non mi è mai interessata la commercializzazione della festa, le uscite tra sole donne, o gli spettacoli di striptease maschili, o altre futilità. L’intento vero della festa è quello di sensibilizzare riguardo le condizioni della donna del mondo, le discriminazioni ancora attuali, e celebrare, anche, le conquiste sociali ottenute nel corso della storia. La mimosa divenne poi il fiore simbolo della giornata.

 

Questa torta tutta italiana deve il suo nome alla somiglianza con l’omonimo fiore: tanti cubetti gialli ricoprono questo dolce speciale!

Nata negli anni ’50, divenne famosa quando un cuoco di Rieti la propose ad un concorso di torte a Sanremo, proprio per omaggiare la città dei fiori.

Strati di pan di Spagna,l crema chantilly e bagna al Grand Marnier sono gli ingredienti principali di questa torta: proviamo a cucinarla in versione vegana!

 

Torta mimosa vegana

Questa torta richiede diversi passaggi, è abbastanza lunga da preparare, perciò organizzatevi per tempo e rimboccatevi le maniche!

 

Ingredienti:

 

per il pan di Spagna (due tortiere da circa 20 cm):

  • 450 gr di farina
  • 250 ml di acqua
  • 300 gr di zucchero di canna
  • 150 gr di fecola di patate
  • 90 ml di olio di semi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • succo e buccia grattugiata di un limone
  • un pizzico di sale e di curcuma

per la crema chantilly:

  • 700 ml di latte di soia
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 70 gr di amido di mais
  • scorza grattugiata di un limone
  • aroma di vaniglia
  • un pizzico di curcuma
  • 100 ml di panna vegetale
  • 10 gr di zucchero a velo

per la bagna:

  • 130 ml di acqua
  • 75 gr di zucchero di canna
  • 70 ml di Grand Marnier o altro liquore (io ho utilizzato il limoncello)

 

Procedimento:

Iniziamo creando i due pan di Spagna. In una ciotola inserire farina, fecola, zucchero, lievito, buccia di limone, sale e curcuma. Amalgamare tutti gli ingredienti secchi con una frusta.

A parte misceliamo gli ingredienti liquidi: acqua, olio e succo di limone, poi versiamoli nella ciotola con gli altri ingredienti. Mescoliamo tutto con la frusta con movimenti rotatori dal basso verso l’alto, per incamerare aria.

Oliamo ed infariniamo due tortiere dal diametro di 20-22 cm poi versiamoci il nostro composto diviso in parti uguali.

Infornare in un ripiano basso del forno a 180°C per circa un’ora. Verificare la cottura con la prova stecchino, non aprire comunque il forno prima di mezz’ora!

Lasciare raffreddare completamente poi tagliare entrambi i pan di Spagna a metà.

Tre strati ci serviranno per comporre la torta, il quarto strato andrà a comporre la decorazione.

Tagliamo quindi l’ultimo strato a cubetti molto piccoli: dovranno simulare il fiore.

 

Mentre si raffreddano le torte, prepariamo la crema chantilly.

Partiamo da una crema pasticcera classica. In un tegame unire la fecola, lo zucchero di canna, la curcuma, la buccia di limone grattugiata, la curcuma e la vaniglia. Mescolare con una frusta poi aggiungere un po’ di latte vegetale e amalgamare bene. Unire poi il resto del latte e porre sul fuoco. Far cuocere la crema a fuoco basso fino al bollore, continuare la cottura per un minuto fino a quando sarà addensata al punto giusto. Togliere dal fuoco e coprire il tegame con pellicola, per non far formare una fastidiosa patina sopra!

Lasciar raffreddare.

Montiamo ora la panna con lo zucchero a velo. Quando la crema si sarà raffreddata, unire la panna un cucchiaio alla volta, mescolando sempre dal basso verso l’alto, poi richiudere con la pellicola e mettere in frigo per mezz’ora.

 

Prepariamo ora la bagna per il pan di Spagna. In un pentolino unire lo zucchero, l’acqua e il liquore scelto, poi scaldare fino a quando lo zucchero non si sarà completamente sciolto.

Lasciar raffreddare.

 

Quando tutti gli ingredienti saranno completamente freddi, comporre il dolce.

Inumidire ogni strato di pan di Spagna con la bagna, si può fare facilmente con un pennello da cucina, poi spalmarci sopra uno strato di crema.

Aggiungere sopra un altro strato di pan di Spagna bagnato e farcire con crema. Proseguire così anche con l’ultimo strato, poi ricoprire completamente di crema anche i bordi.

Ora possiamo completare il dolce spargendo dappertutto il pan di Spagna tagliato a cubetti: dovrà ricoprire sia la parte superiore che i bordi, rimarrà facilmente attaccato alla torta grazie alla crema.

Riporre in frigo la torta per almeno un paio d’ore.

Prima di servire, volendo, si può cospargere di zucchero a velo.

E buona festa!

torta mimosa
torta mimosa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.