finocchi
Salati,  Verdure di stagione

La verdura della settimana: i finocchi!

Il finocchio è un ortaggio che si può trovare bene o male tutto l’anno, davvero ricco di proprietà!

Un carico di potassio, calcio e fosforo, contiene anche vitamina A, B e C e ha un basso apporto calorico.

Una curiosità? Pare che il detto “infinocchiare” o “farsi infinocchiare” abbia lontane origini, che risalgono addirittura al medioevo. Osti disonesti proponevano agli avventori un assaggio di questo ortaggio in vista di servire un pessimo vino o del cibo poco fresco, per alterane il sapore e renderlo gradevole. L’aroma del finocchio può, infatti, alterare leggermente il senso del gusto!

Del finocchio non si butta nulla: si può gustare sia cotto che crudo, utilizzandolo in tutte le sue parti. Con i semi si possono ottenere tisane profumatissime, particolarmente indicate come rimedio contro la pesantezza di stomaco e problemi di digestione. I semi sono largamente usati anche in cucina, ad esempio per aromatizzare taralli e biscotti. Con gli oli essenziali si ricava un ottimo liquore, il finocchietto.

Il finocchio selvatico, che si raccoglie a fine estate, ci offre fiori e foglie da utilizzare per la cottura di stufati di carne, insaccati e piatti di pesce.

Amo questa verdura, in particolar modo in inverno, quando posso cucinare speciali insalate con gli agrumi!

Possiamo cucinare il finocchio in mille modi: sia crudo come snack, in insalata, in pinzimonio… che cotto, ad esempio gratinato al forno, oppure bollito o a vapore! Spazio alla fantasia!

 

Oggi vi lascio un paio di ricette semplici che (spero!) vi conquisteranno!

 

Insalata di finocchi e agrumi

Si tratta di un’insalata semplice e velocissima da preparare, un classico salva-contorno dell’ultimo minuto!

 

Ingredienti (per 2 persone):

  • 1 finocchio grande
  • 1 pompelmo o un arancia
  • una manciata di semi di zucca
  • crema di aceto balsamico
  • olio, sale, pepe

Procedimento:

Pulire bene il finocchio, eliminando il torsolo centrale, perché duro e poco digeribile. Tagliare il finocchio a striscioline, e porlo in una ciotola.

Sbucciare a vivo un pompelmo rosa (o un’arancia, a scelta!), poi tagliare gli spicchi a pezzettini. Unire il nostro agrume al finocchio tagliato.

Condire l’insalata di finocchio con un po’ di semi di zucca, olio, sale, pepe e qualche goccio di crema di aceto balsamico.

* Consiglio dell’hobbit: suggerisco di utilizzare la crema di aceto balsamico in quanto più dolce del classico aceto balsamico: trovo si sposi perfettamente come condimento di questa insalata.

Et voilà, mescolare bene e servire!

insalata di finocchi
insalata di finocchi

 

Pinzimonio di finocchio con salsa tartara

Anche questa è una ricetta che richiede il finocchio crudo, perfetta per un aperitivo o da servire come antipasto: ottima da gustare in compagnia!

 

Ingredienti:

  • 1 finocchio
  • 90 gr circa di maionese vegetale
  • 1 cetriolino
  • 1 cucchiaio di cipolline sottaceto
  • 1 cucchiaino di capperi
  • qualche foglia di prezzemolo

Procedimento:

Pulire il finocchio e tagliarlo a spicchi, solitamente si possono ricavare comodamente otto spicchi. Adagiarlo su un piattino o una ciotola da portata.

Prepariamo ora la salsa tartara: questa non è la ricetta originale, ma una rivisitazione in chiave vegana!

Avremo bisogno di un frullatore ad immersione.

Nel bicchiere versare tutti gli ingredienti: il cetriolino, le cipolline, i capperi, il prezzemolo e la maionese.

Frullare per qualche secondo finché gli ingredienti non saranno perfettamente amalgamati.

salsa tartara
salsa tartara

Ora possiamo servire la nostra salsa per accompagnare il finocchio: intingendo il nostro ortaggio nella salsa avremo un’esplosione di gusto!

pinzimonio di finocchi
pinzimonio di finocchi

 

Ormai la maionese vegetale si trova in commercio abbastanza facilmente, ma potete anche crearla in casa molto facilmente!

Le proporzioni sono generalmente latte di soia e il doppio di olio vegetale versato a filo. Un pizzico di sale, un cucchiaino di senape e frullare col mixer ad immersione.

 

E per quanto riguarda i finocchi cotti?

Il top del top è gratinarli al forno: cucinare i finocchi tagliati a metà o in quattro parti a vapore o bolliti, poi sistemarli su una teglia da forno e cospargerli di formaggio o pan grattato e prezzemolo; passarli in forno fino a doratura della superficie!

Si possono inoltre bollire e ridurre in purea, o farci un’ottima vellutata!

Buon appetito!

 

Trovate ottimi ortaggi da https://www.lortoacasa.it/

Per agrumi etici e bio, anche da regalare con una splendida iniziativa: https://www.biorfarm.com/

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.