Mele stregate
Dolci

Halloween 2020

La festa di Halloween è spesso motivo di discussioni, c’è chi la ama e chi non ne vuole sentir parlare.

Molti la considerano un’americanata, una carnevalata, un’occasione per travestirsi a tema horror e festeggiare nei locali; c’è chi preferisce dedicare la serata del 31 ottobre alla visione di film dell’orrore; chi, magari più giovane, si avvicina alle case del vicinato per fare “dolcetto o scherzetto?”. Negli ultimi anni va molto di moda, anche nei paesini sperduti come quello dove vivo io!

Ma Halloween è molto di più, è una festa molto più seria. Non dimentichiamo che anche in Italia, decine di anni fa, c’era già l’usanza di intagliare zucche, raccontare storie di anime dell’aldilà, di cucinare dolciumi per ricevere protezione da parte dei cari morti.

Halloween è spesso affiancato al celtico Samhain, alla festa romana di Pomona e alla festa cristiana di Ognissanti. Il periodo dell’anno (la notte prima della festa di Ognissanti) e i simbolismi tipici (come le zucche, i colori, le tematiche legate ai morti) accomunano queste feste da sempre.

Tralasciando lo sviluppo consumistico che avviene attualmente, trovo questa festa molto interessante e particolarmente sentita.

Vi invito a visitare questo sito per maggiori informazioni sulla festa di Halloween, per sfatare il mito di festa maledetta o inutile.

https://www.gallohosting.it/levereoriginidihalloween/

https://www.facebook.com/levereoriginidihalloween

Buona lettura!

 

E in cucina?

La stagione ci suggerisce di sfruttare al massimo ciò che offre la natura, quindi sì alla zucca! E ai dolci con fattezze mostruose!

Esistono molti dolci tipici di questa festa: addirittura in Italia diverse regioni hanno le proprie tradizioni, come i pabassini sardi e le ossa dei morti in Emilia.

 

Partendo dal classico, perché non provare le caratteristiche mele caramellate super rosse?!

Togliere i piccioli delle mele, lavarle e asciugarle bene. Inserire uno stecchino nelle mele al posto del picciolo, vanno bene ad esempio i bastoncini cinesi.

Far bollire 250 gr di zucchero di canna con 120 ml di acqua e un pizzico di cannella, senza mescolare. Per ottenere un colore più vivace si può aggiungere anche un po’ di colorante alimentare (attenzione che sia di origine vegetale, senza E120!). Una volta raggiunti i 125°C inserire le mele una alla volta e farle roteare velocemente, per spandere il caramello su tutta la superficie della mela. Sgocciolare bene e far asciugare in piedi su un foglio di carta da forno. Gustare fredde!

Mele stregate

 

Quest’anno ho preparato anche dei semplici biscotti di frolla a forma di Jack-o’-lantern bagnati nel cioccolato. Ecco la ricetta:

 

Ciocco-Jack

 

Ingredienti:

  • 500 gr di farina (per un gusto più ricco sostituire 100 gr di farina classica con 100 gr di farina di mandorle)
  • 150 gr di zucchero di canna
  • 140 ml olio di semi
  • 130 ml di acqua
  • vaniglia
  • 100 gr di cioccolato fondente
  • latte di soia q. b.

 

Procedimento:

Mescolare bene lo zucchero con l’acqua, poi aggiungere la farina e la vaniglia, poi l’olio. Impastare bene fino ad ottenere un panetto liscio e compatto.

Far riposare il panetto un’ora in frigorifero.

Stendere il panetto per ottenere una sfoglia più o meno alta, in base ai vostri gusti (se l’impasto è molto alto sarà necessaria una cottura maggiore), poi intagliare i biscotti con le vostre formine preferite.

Cuocere in forno a 170°C per circa 15 minuti.

Una volta raffreddati far sciogliere 100 gr di cioccolato a bagnomaria, con un po’ di latte di soia, per rendere il cioccolato più fluido e meno pastoso. Immergere i biscotti per metà, farli sgocciolare bene e farli raffreddare nuovamente su una gratella ricoperta di carta da forno.

Biscotti choco-jack
Biscotti choco-jack

 

Un’alternativa “mostruosa” con lo stesso impasto? Le dita di strega!

 

Dita di strega

 

Ingredienti:

stesso impasto dei biscotti Jack qua sopra! ↑

più:

mandorle pelate

marmellata rossa (fragole, lamponi, frutti di bosco)

 

Procedimento:

Una volta tirato fuori il panetto dal frigo, staccarne piccoli pezzi (circa 30-40 gr) poi allungare ogni pezzo come se fosse un grissino, per ricreare un dito. Lasciare il “dito” abbastanza grosso, poi cercare di dare un po’ la forma delle dita vere intagliando leggermente con un coltello le nocche.

Creare un incavo per l’unghia premendo leggermente una delle estremità con un dito, poi spalmare l’incavo con una puntina di marmellata rossa (io ho utilizzato quella di lamponi, ma va bene quella di qualsiasi frutto rosso) per dare l’idea del sangue, e appoggiarci sopra una mandorla pelata, per ricreare l’unghia. Spalmare una punta di marmellata anche sull’altra estremità del dito, per dare l’idea del dito mozzato. Le dita si possono anche spezzare a metà, per ricreare un dolce ancora più mostruoso!

Cuocere in forno a 170°C per 20 minuti circa.

Ecco le nostre dita di strega mozzate!

Biscotti dita di strega
Biscotti dita di strega

 

Formina a forma di zucca trovata a Trento: http://www.coltelleriasanmarco.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.